Tredicesima e Quattordicesima a rischio, cosa sta accadendo con i prezzi

Tredicesima e Quattordicesima a rischio. Ecco tutto ciò che c’è da sapere su questo argomento. Il Codacons ha lanciato l’allarme a seguito degli ultimi dati Istat. 

Comunicato e annuncio da parte del Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori.

L’inflazione, secondo gli ultimi dati Istat, è salita nel mese di maggio al 6,9%. Una situazione che ha spinto il Codacons a lanciare l’allarme riguardo il rialzo del prezzo dei generi di prima necessità. Per l’associazione dei consumatori, si tratta di  una vera e propria tragedia. “Ci saranno degli effetti davvero pesanti sulle tasche di milioni di italiani ma anche sull’intera economia nazionale”.

Gli aumenti riguardano soprattutto i carburanti e le bollette che mettono in difficoltà le famiglie italiani. Secondo gli ultimi dati, la cifra può arrivare fino a 2.753 euro all’anno di rincari. Il Codacons spiega. “Con l’inflazione al 6,9% arriva una vera stangata per famiglie tipo italiane. Per un nucleo familiare con due figli si può arrivare a cifre record. Si sottolineano anche vere e proprie speculazioni che sono nate a seguito della guerra in Ucraina”. 

Al di là di questo tema, arrivano anche delle notizie confortati con l’economia italiana che nei primi tre mesi dell’anno ha superato le attese. L’Istat ha rivisto al rialzo le stime preliminari. Emerge una crescita del Pil dello 0,1% su base congiunturale. La situazione, comunque, non resta positiva a causa anche dell’inflazione. Per questa ragione il Codacons chiede ulteriori interventi a sostegno del potere d’acquisto. “Ci sono stati degli effetti disastrosi a causa del caro bollette che è arrivato alle stelle nel primo trimestre del 2022. Questo trend, purtroppo, è destinato ad aggravarsi anche sulla crescita dei prezzi a causa del prolungarsi della crisi energetica”. 

Si attendono misure preventive da parte del Governo in favore delle famiglie italiane. 

Questo il messaggio del presidente Codacons Rienzi: “Bisogna mettere in campo nuove misure, più incisive, a sostegno delle famiglie. Bisogna intervenire e fermare la speculazione che si sta registrando nel nostro Paese”

Secondo l’associazione le famiglie italiane hanno ricevuto una minima parte rispetto ai 28,5 miliardi di euro stanziati dal governo per contrastare gli aumenti dell’energia. Di questa cifra solo 8 miliardi sono stati destinati alle famiglie italiane.