Planimetria difforme come risolvere il problema con l’Agenzia delle Entrate

Molto spesso durante l’acquisto o la vendita della casa ci si imbatte in una planimetria difforme: come evitare problemi

Nel momento in cui si decide di vendere o acquistare un immobile, ogni tanto ci si trova di fronte a un problema relativo alla planimetria depositata al catasto o negli archivi urbanisti del comune. Non è infatti insolito che la planimetria catastale risulti difforme da quella comunale o da quella reale della casa.

E’ bene sapere che planimetria catastale e comunale non coincidono: si tratta di due piantine diverse. Quella depositata depositata al catasto non legittima la giusta preesistenza urbanistica. Questo per il fatto che il catasto non è probatorio. La planimetria comunale è invece più importante perché legittima la costruzione dell’immobile rispetto ai permessi richiesti al comune. Ecco perché la mancata conformità catastale è un caso abbastanza comune.

Planimetria difforme, come rimediare

Capiamo ora come fare per mettere le cose apposto. Nel caso si abbia bisogno di modificare la piantina del comune, con aggiornamenti ad esempio riguardo la demolizione di pareti interne o lo spostamento di porte, occorre presentare allo stesso comune una pratica per ottenere l’autorizzazione. L’aggiornamento della planimetria deve essere presentato da un tecnico abilitato che ne certifichi il rispetto dei requisiti urbanistici, ma anche di igiene.

Se parliamo di planimetria catastale invece ci riferiamo a quella che si trova negli archivi telematici dell’Agenzia delle Entrate. L’eventuale presenza di difformità può portare anche all’annullamento dell’atto di compravendita, oppure alla mancata erogazione del mutuo da parte della banca. Se si intende aggiornare la planimetria difforme occorre quindi prima verificare gli errori rispetto alla piantina comunale, solo dopo modificare entrambe le planimetrie.

Si scoprono le differenze fra le due planimetrie quasi sempre solo nel momento in cui si è in procinto di vendere. Nella maggior parte di casi si tratta di spostamento di muri o nuovi bagni.