In pensione a 67 anni nel 2023, che assegno mensile avresti

Ecco tutte le ultime news e i dettagli riguardo la pensione del 2023 al compimento dei 67 anni d’età. 

Vuoi conoscere la cifra esatta che prende un pensionato nel 2023? Ecco tutti gli ultimi aggiornamenti che il Governo ha apportato. Con il sindacato il dialogo è costante, si attende presto una riforma delle pensioni.

Ecco tutte le notizie e gli aggiornamenti per quanto riguarda le pensioni: le prossime novità che ci saranno in questi mesi.

Ecco quanto si perde nel 2023 per andare in pensione prima dei 67 anni. Il pensionamento anticipato è una prestazione economica erogata, a domanda, a favore dei lavoratori in possesso dei requisiti e in presenza delle condizioni previste dalla legge. Per farne richiesta c’è bisogno di compilare degli appositi moduli Inps.

Nel 2023 si ritorna alla riforma Fornero. Quindi, per andare in pensione prima, non conviene. Si attende, da parte del Governo Draghi,  una riforma sostanziale e strutturale della previdenza pubblica. Al momento però non c’è accordo in maggioranza e anche tra i sindacati non si è trovato un punto d’unione.

Con la legge Fornero, nel 2023, andare prima in pensione non conviene. Sono tutte alternative penalizzanti per il cittadino. Ci sono però delle alternative tra l’anticipata con  il ricalcolo contributivo e la cosiddetta pensione in due tempi. Nel dettaglio, per andare prima dei 67 anni in pensione nel 2023, il Governo aveva proposto ai Sindacati l’introduzione della flessibilità in uscita con il ricalcolo dell’assegno con il sistema contributivo. Questa idea è stata però bocciata da parte dei sindacati di Cgil, Cisl e Uil. In molti dei casi, infatti, il lavoratore rischia di perdere davv

Proprio perché, rispetto all’ultimo stipendio, il lavoratore in molti casi rischia di perdere davvero molto.

Tra le ipotesi sul tavolo del lavoratore, per andare in pensione prima dei 67 anni nel 2023, c’è quella della divisione della pensione in due tempi proposta dal presidente dell’INPS Tridico.

In cosa consiste questa misura della divisione della pensione? La prima quota è data a 62-63 anni relativa alla parte contributiva. E poi la quota di pensione retributiva riconosciuta solo a partire dai 67 anni.  Per quanto riguarda quella di vecchiaia, 67 anni oppure può essere anticipata co  42 anni e 10 mesi di contributi, 12 mesi in meno per le donne.