Bollette, il premier Draghi ha un piano per salvarci

Tiene banco all’interno del Governo il tema relativo al caro bollette. I costi dell’energia e del gas sono in aumento, ecco il piano di Draghi per evitare i rincari. 

Il Governo è a lavoro per risolvere la questione del caro bollette. A seguito della guerra in Ucraina, ci sono stati degli aumenti notevoli per quanto riguarda i costi dell’energia e del gas. Ecco la previsione e il piano del premier Draghi.

Nell’ultimo Consiglio dei Ministri si sono esaminati dei  provvedimenti in materia di caro bollette e assestamento di bilanci. Il premier Draghi prorogato gli sconti in bolletta grazie al finanziamento dell’aumento delle entrate fiscali. La strada intrapresa dall’esecutiva è stata obbligata. Serve questo ed altro per sostenere le famiglie italiane che, in questo periodo di grave crisi economica, non possono più subire ulteriori aumenti per quanto riguarda le bollette dell’energia e del gas. Per l’estate, infatti, è prevista una vera e propria stangata per molte famiglie italiane. Una situazione insostenibile dovuta alla guerra in Ucraina che sta avendo risvolti negativi per l’economia mondiale.

Sono previsti, secondo i primi dati, degli aumenti per il terzo trimestre pari al 27% per il gas e 17% per la luce. Il Governo, con questa proroga sugli sconti in bolletta, ha provato a porre rimedio. Anche se serve altro. Il presidente di NE-Nomisma Energia, Davide  Tabarelli, ha ammesso. “I prezzi del gas e dell’elettricità sono esplosi su tutto il mercato internazionale. Dopo la decisione della Russia, quella del 16 giugno, di tagliare forniture a Germania e Italia, è scoppiato il caos. Sono attesi dei rincari sulle bollette, un forte rialzo”. 

Tabarelli prosegue. “Ci sarà un notevole aumento sulle prossime bollette. La decisione finale spetterà ad Arera che, sicuramente, con l’aiuto del Governo, proverà a limitare l’impatto di questa crisi sulle famiglie italiane”. Secondo le prime stime si tratta di un aumento sulla bolletta dell’energia elettrica del del 17% a 48,5 centesimi a kWh. Per una famiglia media che consuma  2.700 kWh all’anno, la spesa dovrebbe annuale dovrebbe essere di circa 195 euro.

Discorso analogo per quanto riguarda il gas. Con un balzo notevole, con un aumento del 27% a 1,57 euro per metro cubo. In questo caso, l’aumento annuo è di  462 euro su base annua.

Al Governo e al Premier Mario Draghi il duro compito di risolvere questa situazione per venire incontro a tutte le famiglie italiane. Intanto è stato approvato l’assestamento di bilancio per l’anno 2022 che consente all’esecutivo di intervenire, fino alla fine dell’anno, con ulteriori misure per evitare il caro bollette. Questa è una notizia importante per i cittadini che sicuramente riceveranno altri benefici.