Assegno unico e bonus settembre per la scuola: i genitori festeggiano gli aiuti contro la crisi

I genitori italiani sono sempre più in difficoltà per quanto riguarda le spese dei figli a carico.

Il fatto è che in Italia gli introiti sono veramente bassi ma allo stesso tempo il costo della vita sta salendo veramente troppo.

ANSA

Le famiglie con figli a carico richiedono sempre nuovi bonus al governo ma da quando c’è l’assegno unico universale le cose sono cambiate.

I bonus per la scuola di settembre

L’assegno unico universale è sicuramente una misura importantissima per le famiglie perché garantisce un assegno mensile praticamente a tutte le famiglie che abbiano figli a carico.

Pixabay

Questo assegno è proporzionale al numero dei figli ma anche all’isee e quindi saranno proprio le famiglie con un ISEE più basso e con più figli ad avere di più. La misura dell’assegno unico universale è una misura molto preziosa ma il governo ha cancellato gli altri aiuti per i figli a carico. Tuttavia adesso arrivano dei bonus scuola che sono veramente preziosi per le famiglie e che sono assolutamente da richiedere prima dell’inizio dell’anno scolastico.

Come ottenere i bonus

Come sappiamo la scuola è una vera stangata delle famiglie italiane e da quando c’è l’assegno unico, aiuti per la scuola teoricamente non ce ne sarebbero più. Ma ad erogare i buoni scuola adesso sono proprio le regioni. Infatti proprio le regioni mettono in campo gli aiuti per le famiglie con ISEE basso. Si tratta di aiuti molto variegati e molto interessanti. Basti pensare che la regione Lombardia con la sua dote scuola arriva in alcuni casi ad erogare addirittura 2.000 euro per ogni studente con ISEE basso. Ma se la regione Lombardia è particolarmente generosa in realtà quasi tutte le regioni italiane mettono in campo il bonus per la scuola.

Cumulabili e ricchi

Vediamo di capire come funzionavano. Ogni regione si organizza in modo proprio per potere erogare questi buoni. Di norma le regioni chiamano questi bonus borse di studio per gli ISEE bassi. Il parametro di riferimento è proprio l’ISEE, infatti saranno le famiglie al di sotto di un certo ISEE a poter beneficiare del bonus. Normalmente questo bonus non copre soltanto le spese di libri ma anche le spese per la cancelleria e per eventuali altri servizi che siano importanti per lo studente. Insomma questi bonus sono assolutamente da chiedere e sono sempre cumulabili con l’assegno unico universale.