Reddito di base universale: finalmente il minimo garantito a tutti per andare avanti

Il reddito di base universale è una vera e propria rivoluzione e gli italiani lo stanno chiedendo a gran voce e lo pretendono dal governo.

Vediamo come funziona questa profonda rivoluzione e perché già adesso qualcuno potrà avere accesso a questo particolarissimo reddito.

Pixabay

Il reddito di base universale è una vera e propria rivoluzione sociale e da questo 2022 tantissimi italiani lo stanno richiedendo con forza.

Una vera rivoluzione sociale

Fino soltanto all’anno scorso la profonda rivoluzione sociale del reddito di base universale praticamente non era nota in Italia.

Pixabay

Eppure già da decenni alcune delle più prestigiose Università di Economia del mondo stanno sostenendo con forza come sia fondamentale introdurre un reddito di base universale ed incondizionato per tutti i cittadini. Dunque il reddito di base è qualcosa di molto diverso rispetto al reddito di cittadinanza. Mentre il reddito di cittadinanza presuppone un ISEE basso e la ricerca attiva di un lavoro, il reddito di base universale ed incondizionato eroga un reddito minimo a tutti a prescindere dalla propria situazione economica e lavorativa.

Tanti studi universitari lo sostengono

Il reddito di base può sembrare un’idea assurda ed utopistica ma decenni di studi universitari noti come BIS (basic income studies) dimostrano gli effetti positivi del reddito di base universale e dimostrano anche come tantissimi posti di lavoro andranno perduti a causa dell’evoluzione tecnologica. Proprio per questo il reddito di base universale si evidenzia come qualcosa di sempre più importante da introdurre. In Europa sono già partiti i vari progetti pilota per studiare gli effetti del reddito di base universale. In tanti paesi questi progetti stanno andando avanti e stanno mettendo in evidenza gli aspetti positivi del reddito di base sia sul singolo che lo riceve e sia sulla collettività.

Come averlo in Italia

Proprio questi esperimenti fugano i dubbi espressi sul reddito di base e vale a dire quelli che spingerebbe la gente a non cercare un lavoro oppure che avrebbe un peso troppo forte sull’economia. Gli attivisti italiani per il reddito di base universale crescono di giorno in giorno e diventano sempre più dinamici nel chiedere ai partiti alle istituzioni che un progetto pilota sul reddito di base universale parta anche in Italia. Con l’arrivo della recessione poi il reddito di base universale rischia di essere una misura veramente fondamentale per evitare le forti tensioni sociali che purtroppo potrebbero scoppiare.