Arrivano due vere e proprie truffe al supermercato, sono molto diverse tra loro ma sono entrambe molto pericolose per gli italiani.

Oggi gli italiani hanno una fortissima difficoltà a fare la spesa perché l’inflazione è sempre più alta.

ANSA

Ma oltre al problema dell’inflazione arrivano anche due truffe che possono mettere seriamente in difficoltà le famiglie, vediamo quali sono e come funzionano.

Due truffe al supermercato

La prima è una truffa teoricamente più leggera mentre la seconda è una truffa in grado veramente di svuotare i conti di chi ci dovesse capitare.

Pixabay

La prima truffa messa in campo al supermercato è quella della cosiddetta inflazione nascosta. Si tratta di una truffa veramente molto insidiosa per le famiglie perché i produttori di generi alimentari stanno diminuendo la quantità di cibo presente nelle loro confezioni ma lasciando la confezione assolutamente immutata ed immutato e anche il prezzo. Quindi il consumatore vede una confezione che è uguale a quella di sempre e un prezzo che è uguale a quello di sempre ma non si rende conto che la quantità di prodotto contenuto all’interno della confezione è più bassa.

Inflazione nascosta e poi la truffa più grave

Quindi l’inflazione così viene nascosta al consumatore che non si rende conto di stare pagando il cibo di più e viene stangato dall’inflazione senza potersi difendere. Ma un’altra truffa che sta mettendo in difficoltà gli italiani è proprio la truffa dei finti buoni spesa che continua a imperversare sui social network. In sostanza sui social network girano delle promesse di buoni spesa molto ricchi da addirittura svariate centinaia di euro a chi dovesse rispondere a dei semplici sondaggi. Teoricamente questi buoni spesa sono messi a disposizione per per fare la spesa da notissime catene di supermercati.

Una truffa pericolosa

Ma in realtà anche se il buono spesa sembra messo a disposizione da noti supermercati, in realtà rispondendo a questo sondaggio si finirà nelle grinfie dei truffatori. Infatti sono proprio delle bande di truffatori che stanno mettendo in campo questa frode. Dopo aver risposto al sondaggio si dovrà pagare con carta di credito un piccolo contributo di spese di spedizione, ma è proprio facendo così che i truffatori avranno accesso ai dati della carta di credito e potranno svuotarla. Quindi quando si vedono queste proposte di bonus sui social network non bisogna assolutamente crederci.

Impostazioni privacy