Telecom azioni: oggi CdA straordinario, azioni in calo a piazza affari

Telecom azioni: oggi CdA straordinario, azioni in calo a piazza affari

Per qualcuno sarà un cda burrascoso, per altri non accadrà nulla di particolare. L’unica cosa certa è che la riunione del board di Tim che si terrà oggi non era prevista all’inizio dell’anno ma è stata richiesta d’urgenza da due consiglieri di Vivendi, Arnaud De Puyfontaine e Franck Cadoret, e da tre consiglieri indipendenti. A testimonianza che il clima non è più così sereno come mesi fa. Argomenti all’ordine del giorno? Di base uno, ossia il piano industriale. Il ceo Luigi Gubitosi, scrive MF, sarà chiamato a fornire dettagli sulle strategie future che auspicabilmente dovrebbero portare a una crescita del titolo, finito vicino ai minimi storici. In pole position, come confermato nel corso della conference call con gli analisti in occasione dei conti sui nove mesi, c’è la valorizzazione di Noovle, la società che si occupa di cloud. Non è escluso che un altro tema possa essere l’aggiornamento dell’operazione calcio, avviata insieme a Dazn. Vivendi, titolare di circa il 24% non fa mistero di ritenere l’attuale gestione non del tutto soddisfacente mentre Cassa Depositi e Prestiti, che ha quasi il 10%, da quello che risulta al momento starebbe tenendo un atteggiamento più istituzionale e prima di fare valutazioni e prendere decisioni analizzerà il piano e i suoi effetti nei prossimi mesi. Se però non ci saranno showdown in cda, tantomeno un golpe contro Gubitosi visto che Vivendi non ha i numeri per far votare una sfiducia al ceo, non è detto che non ci saranno cambiamenti in società, anche se non è chiaro (nel caso) di che tipo. Le voci negli ultimi giorni si stanno moltiplicando e puntano in direzione del cfo Giovanni Ronca e del chief revenue information & media office Stefano Siragusa.

Open Fiber: ok Ue su Macquarie, resa dei conti a Cda Tim

Anche se non ci sono conferme ufficiali, da Bruxelles sarebbe arrivato l’atteso via libera al riassetto di Open Fiber. Il responso dell’Antitrust Ue, riporta il “Sole 24 Ore“, dovrebbe essere comunicato questa mattina. La società della rete in fibra, che era nata come joint paritetica tra Enel e Cdp, completerà dunque nelle prossime settimane il passaggio della quota della compagnia elettrica al fondo infrastrutturale australiano Macquarie, che ha prenotato il 40%, e alla stessa Cdp, che salirà al controllo del 60%. Anche se l’autorizzazione dell’autorità europea pro-concorrenza dovesse essere pressoché incondizionata, come molti si aspettano, l’ok al riassetto non avrebbe comunque alcun riflesso nell’immediato sull’araba fenice della rete unica, l’ipotizzata fusione con la rete di Tim che era stata oggetto di un memorandum of understanding tra l’incumbent e la Cdp nell’estate dell’anno scorso, ma di cui si sono perse le tracce. Anzitutto, scrive il quotidiano, perché nella fase preliminare, l’Antitrust Ue aveva chiesto ai suoi interlocutori, Cdp, ma anche Enel, di chiarire se il riassetto fosse un passaggio preliminare alla rete unica e la risposta era stata negativa. Il rimpasto dell’azionariato di Open Fiber è da considerare a sé stante, il che non significa che in assoluto non si possa ragionare su future evoluzioni. Ma certamente non il giorno dopo aver avuto l’ok da Bruxelles per un riassetto presentato come autonomo. C’è anche un altro motivo per il quale non c’è da aspettarsi a riguardo novità a breve. Il Governo è impegnato a rispettare il termine di giugno per l’aggiudicazione dei bandi volti a coprire con la banda ultralarga le aree ancora critiche del Paese. Rilanciare il progetto di “rete unica”, che si è rivelato finora più che complesso da mettere a fuoco, potrebbe comportare il rischio di interferire sui tempi. Al Consiglio Telecom di oggi quindi difficilmente il tema potrà essere discusso in termini concreti e resterà probabilmente un auspicio. Se la rete primaria di Telecom rientrasse nel piano di valorizzazione, accennato nell’ultimo board dall’a.d. Luigi Gubitosi, Kkr vorrebbe essere della partita, avendo oltretutto da tutelare il proprio investimento sull’altro pezzo della rete. Oggi comunque non è prevista alcuna delibera alla riunione straordinaria del Cda – richiesta dai due consiglieri di Vivendi (azionista al 23,9%) e da altri tre indipendenti – che ha all’ordine del giorno le parole-chiave “strategia e organizzazione”. Il clima resta comunque teso. Il faccia a faccia parigino tra Gubitosi e il Ceo di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, non sarebbe servito a smussare gli angoli. I francesi – che hanno rilevato le azioni Telecom al prezzo di 1,07 euro e ora se le ritrovano in portafoglio a meno di un terzo (ieri il titolo ha chiuso a 0,3345 euro, +1,67%) – si sono dichiarati insoddisfatti dell’andamento dei conti. Ma oggi il confronto dovrebbe limitarsi alle strategie.

Le azioni Telecom Italia sono in calo in apertura a piazza affari a 0,3304 (-1,23%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *