STMICROELECTRONICS: la nostra analisi sul prezzo delle azioni

STMICROELECTRONICS: la nostra analisi sul prezzo delle azioni

Ultimo prezzo 16:47:42 

37,20

+1,78% (+0,685)

profilo societario

STMicroelectronics N.V. è una società di semiconduttori con sede in Svizzera. Progetta, sviluppa, produce e commercializza una gamma di prodotti, inclusi componenti discreti e standard di base e circuiti integrati specifici per applicazioni per applicazioni analogiche, digitali e a segnale misto. I segmenti dell’azienda includono Automotive and Discrete Group , Analog, MEMS and Sensors Group e Microcontrollers and Digital ICs Group. Il segmento ADG comprende tutti i circuiti integrati  automobilistici dedicati e i prodotti a transistor discreti e di potenza. Il segmento AMS comprende circuiti integrati analogici a bassa potenza per tutti i mercati, prodotti smart power; Controller touch screen, soluzioni di connettività a bassa potenza per Internet of Things  e prodotti di conversione dell’alimentazione, tra gli altri. Il segmento AMS comprende microcontrollori sicuri e per uso generale e memorie di sola lettura programmabili cancellabili elettricamente.

i numeri del secondo trimestre

STM ha chiuso il secondo trimestre del 2021 con ottimi ricavi per 2,99 miliardi di dollari, in aumento del 43,4% rispetto ai 2,09 miliardi realizzati nello stesso periodo dell’anno precedente. Su base sequenziale (vale a dire in confronto con il periodo gennaio-marzo dell’anno in corso) il giro d’affari è sceso dello 0,8%, una contrazione inferiore rispetto al -3,8% indicato dal management in occasione della diffusione della primi tre mesi dell’anno.
La marginalità si è attestata al 40,5%, valore che si confronta con il 35% del secondo trimestre del 2020 e il 39% dei primi tre mesi dell’anno, a seguito principalmente di minori oneri da sottoutilizzo della capacità produttiva, efficienze di produzione, prezzi favorevoli e un mix di prodotto migliore, parzialmente controbilanciati da effetti valutari negativi, al netto dei contratti di hedging. I vertici di STM, stimavano una marginalità nell’ordine del 39,5%

STM ha concluso il secondo trimestre del 2021 con un utile netto di 412 milioni di dollari, rispetto ai 90 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.

stm e i benefici dovuti a TSMC che aumenterà i prezzi fra il 10% ed il 20%

Secondo il Wall Street Journal la maggiore foundry al mondo, TSMC, aumenterà i prezzi fra il 10% ed il 20% con efficacia fra la fine del 2021 e l`inizio del 2022. A nostro parere la notizia, se confermata, avrà l’effetto di un aumento dei prezzi a cascata da parte dei clienti di TSMC che includono la maggioranza delle aziende di semiconduttori a livello globale oltre ad alcuni importanti OEM come ad esempio Apple. Riteniamo inoltre che la maggioranza delle aziende americane avranno un limitata crescita del fatturato nel 2022 visto che sono fabless e le foundry non avranno un grosso aumento della supply. Per tale motivo pensiamo che tali società riusciranno ad aumentare i prezzi ma non i margini mentre riteniamo che Infineon ed stm che hanno un modello integrato con la produzione interna che supera il 70% dei volumi, in cui hanno continuamente investito anche durante la fase Covid, dovrebbero beneficiare di un maggiore aumento della top line con aumento di prezzi accompagnato da leva operativa e miglioramento dei margini.

In particolare segnaliamo che Infineon terrà un CMD il prossimo 5 Ottobre e, nonostante la società normalmente fornisca l’outlook per il nuovo anno a novembre con pubblicazione dei risultati del F4Q (anno fiscale termina a fine settembre), pensiamo che ci potrebbe essere un aggiornamento in tale occasione sia sul modello finanziario target, che vediamo confermato a 9%+ revenue growth con Ebit margin al 19%, sia sul 2022, dove vediamo possibile un aumento LDD delle sales grazie agli aumenti di capacità nelle fab di Dresda, Villach, Austin e Melaka.

 

Stm, Akros conferma accumulate

-Banca Akros ribadisce il rating accumulate e il prezzo obiettivo a 43 euro su Stm (+0,6% a 36,31 euro) dopo che la società ha reso noto di avere ampliato l’accordo pluriennale a lungo termine esistente per la fornitura di fette in carburo di silicio con Cree, Inc., il leader globale nella tecnologia del carburo di silicio attraverso le attività Wolfspeed. L’accordo modificato, con il quale Cree si impegna a fornire a Stm fette grezze ed epitassiali da 150 mm in carburo di silicio nel corso dei prossimi anni, ha ora raggiunto un valore superiore a 800 mln usd, segnalano gli analisti, secondo cui l’operazione ha importanti motivazioni strategiche.

 

la nostra analisi sul prezzo

STM è un azienda attiva nel settore dei semiconduttori. Tutte le ultime notizie che riguardano questo settore indicano una grande richiesta dovuta alla ripresa economica dopo il covid. Nonostante tutte le aziende del settore siano ormai a piena produzione la domanda non riesce ad essere soddisfatta, notizia di queste giorni che aziende del settore automobilistico, come Stellantis e Toyota devono bloccare la produzione in vari stabilimenti per mancanza di CHIP. In questo contesto STM che leader in questo settore ha programmato di aprire nuovi stabilimenti per far fronte alla forte domanda. Le azioni dell’ azienda sono già cresciute in un anno del 40% ,noi prevediamo che l’ultimo periodo dell’anno la società possa crescere ancora, aumento del valore che si espanderà a tutto il 2022 che potrebbe essere da record per STM.

Raccomandazione buy prezzo obiettivo 60 EUR

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *